Il metodo del Cupping: all’origine del caffè

Il metodo del Cupping: all’origine del caffè Il metodo del Cupping: all’origine del caffè

Strumenti per la degustazione professionale del caffè Ancap

È molto lungo il viaggio del caffè: dalla raccolta alla tavola attraversa diverse regioni, culture e lingue. Come trovare dei parametri comuni per conoscerne e decretare le caratteristiche?
Il metodo del Cupping è utilizzato a livello internazionale per valutare la qualità ed eventuali difetti delle partite di caffè. Ce lo spiega nei dettagli Davide Cobelli, proprietario di Coffee Training Academy di Verona e Italian Roasting Championship 2020.

Il Cupping è un vero e proprio tipo di procedimento di estrazione del caffè e del suo assaggio: determina il profilo del caffè attraverso l’assaggio da parte di un team di assaggiatori che ne comprova le caratteristiche. È un processo essenziale per far in modo di mantenere una costanza e omogeneità tra le partite dello stesso tipo di caffè.

Vediamo come funziona il metodo del Cupping:

Il caffè viene tostato “Medium-light” (indicativamente ad un grado Agtron di 55-65) tra le 8 e le 24 ore prima dell’assaggio. Ogni 100 ml di acqua richiedono 5-6 gr di caffè, che viene macinato in modo più grossolano rispetto alla grandezza per la macinatura da filtro. Vengono preparate 5 tazze/coppe per ogni campione. Come prima cosa, si procede a sentire la polvere appena macinata attraverso l’olfatto; poi, il caffè viene infuso in acqua calda a 93°C e lasciato riposare per circa 4 minuti, al termine dei quali la crosta formatasi in superficie viene rotta con il cucchiaio per carpirne meglio gli aromi; infine, si procede all’assaggio vero e proprio.

Quali strumenti vengono prediletti per questo tipo di tecnica?

La porcellana è un materiale ad alta densità, e questo comporta che il suo riscaldamento e raffreddamento avvengano in tempi relativamente lenti, favorendo il mantenimento della temperatura della bevanda. Nel caso del Cupping alla brasiliana questa proprietà è molto utile perché permette l’assaggio a più persone e in più step (come da protocollo SCA). Inoltre, essendo un materiale a porosità zero, la porcellana consente una facile pulizia e igienizzazione, oltre ad essere molto resistente a urti e graffi.

Negli ultimi tempi, con la Speciality Coffee Association, abbiamo apportato delle modifiche nella tecnica del Cupping: non si assaggia più tramite il cucchiaio e la bevanda viene trasferita dalla tazza Cupping ad un secondo contenitore. Abbiamo così scelto Libero di Ancap, azienda italiana produttrice di porcellana dura feldspatica di alta qualità. Libero è il contenitore di assaggio ideale perché è in porcellana e ha una forma contenuta, allungata e senza manici molto ergonomica.

Azienda di riferimento per la fornitura di strumenti personalizzati per la torrefazione, Ancap da sempre ricerca nuove forme che esaltino il caffè per migliorare il momento della sua degustazione. Per il metodo del Cupping, oltre alla novità Libero, Ancap dispone anche delle Cupping Bowls, tazze professionali per la degustazione del caffè e che permettono di comprenderne a fondo tutta l’essenza e l’aroma, ideate proprio per la tecnica del Cupping. La forma e la grandezza della tazza, caratterizzata da un fondo molto ampio, permettono al caffè di distribuirsi uniformemente sulla sua superficie, consentendo di riconoscerne l’origine e tutte le caratteristiche organolettiche.

 

La Porcellana Ancap

Tutti gli strumenti Ancap sono realizzati in porcellana dura feldspatica, che, cotta a 1410 °C, garantisce robustezza, resistenza a shock termici, urti e graffi. La tecnologia produttiva Ancap assicura inoltre una totale assenza di porosità, e rispondenza a tutte le più restrittive norme igieniche.

Contatti

X

Informativa sul trattamento dei dati personali resa ai sensi dell’art. 13 Reg. 2016/679/UE.

La presente per informarLa che presso la nostra azienda è effettuato il trattamento dei Suoi dati personali. Il trattamento viene effettuato nel rispetto dei criteri previsti dal regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, Reg. 2016/679/UE (d’ora in avanti G.D.P.R.) e di ogni altro testo legislativo nazionale, provvedimento o autorizzazione dell’Autorità competente allo stesso collegato. Secondo la normativa indicata, il trattamento deve essere improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti.

1) Il titolare del trattamento è Ancap S.p.A, in persona del proprio legale rappresentante pro tempore, con sede legale: Via Libia, 1 – 37066 Sommacampagna (VR) tel.: 045/8293088, Email: simone.boschini@ancap.it.

2) I dati raccolti saranno utilizzati per le seguenti finalità: a. Invio di informazioni richieste per cui non è necessario il consenso espresso (art. 6.1 lett. a), G.D.P.R.); b. Marketing commerciale per cui è necessario il consenso espresso (art. 6.1 lett. a) ed f), G.D.P.R.).

3) Modalità: i dati personali sono trattati dal titolare e da responsabili debitamente nominati per il corretto adempimento delle finalità indicate nel punto 2) mediante strumenti elettronici e archivi cartacei, nonché con l'impiego di misure di sicurezza atte a garantire la riservatezza dei dati personali e ad evitare indebiti accessi a soggetti non autorizzati.

4) Comunicazione: i dati potranno essere comunicati a soggetti interni ed esterni debitamente nominati che svolgono attività per conto del titolare del trattamento. Non è prevista la comunicazione a paesi terzi extra U.E e non è prevista la diffusione (es. social network, siti internet ecc..). Il titolare del trattamento non ricorre unicamente a processi automatizzati per il raggiungimento delle finalità previste nella presente informativa e non effettua profilazione.

5) Il Titolare tratterà i dati personali per il tempo necessario per adempiere alle finalità di cui sopra e comunque per non oltre 2 anni dalla cessazione del rapporto per le Finalità indicate.

6) L’interessato ha diritto di chiedere al titolare del trattamento l'accesso ai Suoi dati personali ovvero la rettifica ovvero la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che la riguardano, ovvero ha diritto di opporsi al loro trattamento, oltre al diritto di richiedere la portabilità dei dati stessi.
La richiesta può essere fatta a mezzo email o mezzo fax o raccomandata con oggetto: “richiesta da parte dell’interessato” specificando nella richiesta il diritto che l’interessato vuole esercitare (cancellazione, rettifica, portabilità, oblio), unitamente ad un valido indirizzo di posta elettronica/pec al quale recapitare il riscontro.
Il titolare del trattamento o, chiunque dallo stesso incaricato, procederà a soddisfare la richiesta entro 30 giorni dalla data di ricevimento. Qualora la risposta fosse complessa, il tempo potrebbe allungarsi ad ulteriori 30 giorni, previa tempestiva comunicazione allo stesso interessato.
Qualora ritenga opportuno far valere i suoi diritti, ha facoltà di proporre reclamo all’autorità di controllo competente, corrispondente al Garante privacy nazionale, con sede in Piazza Venezia, 11 – 00187 Roma.